Si, ciao piacere. Io faccio la social media strategist. E sulla testa del mio interlocutore appare gigantesco il cartello: MA QUINDI?

Quindi, hai voglia spiegare che si ideano strategie per i brand, piani editoriali, analisi. Il cartello mentale MA QUINDI? non se ne va. Segue quindi breve spiegazione di una giornata tipo, che forse stavolta lo capiscono pure i miei.

Sto in treno un’ora abbondante, e ne approfitto per sentire la radio tramite app e controllare facebook e twitter. Spesso posto con i miei profili personali, ma faccio un giro sugli account che gestisco per vedere che non sia successo niente di grave. (E al momento la cosa non è così rara). Mi godo i 20 minuti in cui non c’è segnale 3g nel Passante ferroviario di Milano per la musica.

Non leggo le mail di lavoro fino a che non sono seduta in ufficio. Poi parte la giostra. Prima operazione di piano editoriale, rigorosamente entro le 9, controllo piano di un cliente e impostazione del successivo per l’altro. Check delle piattaforme di monitoraggio per la social care, che restano aperte sempre. Analytics. Insight. Cambia e aggiusta. Social Care. Ideazione con gli art del piano editoriale per le prossime settimane. Santi art che capiscono le mie idee ( e una volta hanno anche capito un mio disegno).

Leggo qualche feed, per capire se ci sono novità interessanti. Non solo in materia di digital, ma proprio nel mondo.

Il tutto, con la radio nelle orecchie. Perché magari mi sono persa qualcosa, e la radio resta sempre per me una fonte immediata di notizie e informazioni.

Inframmezzato tutto da riunioni, mail, progetti che entrano o su cui serve un parere. Facebook che decide di non pubblicare le foto, o di tagliarle, o di farti prendere un colpo. Segno post interessanti e leggo, cerco di imparare qualcosa di nuovo e capire se c’è una piattaforma nuova, un tool da sfruttare. Faccio  un giro nei gruppi su facebook, rispondo se posso ed evito di farmi venire il sangue amaro.

Poi esco, riprendo il treno, e stavolta mi sento solo la musica.

Quindi si, direi che è un lavoro che possono fare tutti, che tanto giochi solo su facebook, no?

Leave Your thought on this post

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>